SCUOLA DI OBOE

•La respirazione, l’importanza del corretto utilizzo del diaframma per un’emissione senza eccessive rigidezze e tensioni.

•L’ancia, la corretta imboccatura, la direzionalità del fiato e la pressione costante.

•Le mani sullo strumento, impostazione ed economia nei movimenti per ottenere un suono più scorrevole.

•Prime note lunghe nei tre registri:

 

  • Centrale.
  • Grave.
  • Acuto.

 

•Esercizi basilari di tecnica e timbro rivolti ad aumentare la fluidità nell’articolazione delle mani e a stimolare la ricerca di un suono bello ed avvolgente, proprio e personale creato con gusto ed armonia:

 

  • Scale
  • Arpeggi
  • Legato
  • Staccato

 

•Nozioni di teoria musicale inerenti al lavoro tecnico sviluppato.

•Esercizi di tecnica avanzata:

 

  • Suoni armonici
  • Frullato
  • Doppio staccato


•La respirazione circolare.

•Al fine di incrementare ed arricchire la curiosità e la musicalità dell’allievo fin da subito, verrano affiancati al lavoro tecnico, melodie e passi orchestrali di difficoltà crescente tratti dal repertorio.

 

SCUOLA DI OBOE
(anni 7)

CORSO INFERIORE
1° ANNO PROGRAMMA DI STUDIO

a) Esercizi di respirazione.
b) Tecnica di respirazione diaframmatica.
c) Impostazione suoni e diteggiatura sull’oboe.
d) Note lunghe su tutta la gamma dei suoni.
e) Scale legate e staccate fino a mi maggiore e lab maggiore con relative minori melodiche.
f) R. SCOZZI, Esercizi preliminari per lo studio dell’oboe vol I, (fino a pag. 22).
g) G. SELLNER, Scale e salti (dal Metodo Parte 1).
h) G. SALVIANI, Studi nn. 1, 2, 3, 4, 8, 9, 10, Il (dal Metodo vol. 1).

PROGRAMMA D’ESAME PER LA PROMOZIONE AL 2° ANNO

1) Esecuzione di scale maggiori e minori melodiche fino a mi maggiore e lab maggiore.
2) Esecuzione di tre studi scelti dalla Commissione da R. SCOZZI, Esercizi preliminari per lo studio dell’oboe, 1ª serie a pag. 17, 18, 19 (tra i nn. 8, 9, 10, 11, 12, 13).

2° ANNO PROGRAMMA DI STUDIO

a) R. SCOZZI, Esercizi preliminari per lo studio dell’oboe (da pag. 23 alla fine).
b) Scale maggiori e minori melodiche (tutte).
c) Studio della scala cromatica.
d) Arpeggi in tutte le tonalità.
e) J. SELLNER, Studi per oboe, (esercizi di terzine e quartine).
f) G. SALVIANI, i rimanenti duetti, dal Metodo vol. I.
g) J. SELLNER, “Méthode pour hautbois ou saxophone”, Parte lª Studi elementari (salti in tutte le tonalità).

PROGRAMMA D’ESAME PER LA PROMOZIONE AL 3° ANNO

1) Esecuzione di scale maggiori e minori melodiche fino a 7 diesis e 7 bemolle.
2) Esecuzione di tre studi a scelta della Commissione tra i seguenti:
R. SCOZZI, n. 24 dal Medoto vol. I.
G. SALVIANI, Duetti nn. 5, 9, 12 dal Metodo vol. I.

3° ANNO PRGRAMMA DI STUDIO
a) R.SCOZZI, Scale maggiori e minori, armoniche, melodiche, miste, dal Metodo vol. II (i primi 6 esercizi sulla scala cromatica).
b) G. SALVIANI, Esercizi di velocità, vol. II (tutto).
c) F. T. BLATT, 25 Esercizi, vol. I (tutto).
d) G. SALVIANI, 3 duetti, vol. III (fino a pag. 29). e)
T. ALBINONI, Concerto in re maggiore op. 7 n. 6.

PROGRAMMA D’ESAME PER LA PROMOZIONE AL 4° ANNO

1) Esecuzione di scale complete in tono maggiore e minore di tre specie.
2) Esecuzione dello studio n. 1 (in tre tempi) dal metodo G. SALVIANI, vol. III.
3) Esecuzione degli studi nn. 5 e 12 dal metodo BLATT (25 esercizi).

4° ANNO PROGRAMMA DI STUDIO

a) C. PAESSLER, 24 Larghi.
b) R. SCOZZI: gli altri sei esercizi sulla scala cromatica e tutto il resto del metodo (comprese le scale), vol. II.
c) W. FERLING, 48 Studi op. 31.
d) W. FERLING, Tre duetti op. 13.
e) G. E HÄNDEL, 2 Sonate per oboe e pianoforte.
f) Un Concerto o Sonata del periodo barocco a scelta dell’insegnante.
g) Studio dei trilli.
h) Studio sul trasporto non oltre un tono sotto e un tono sopra.

PROGRAMMA D’ESAME PER LA PROMOZIONE AL 5° ANNO

1) Esecuzione di una delle due Sonate di G. F. HÄNDEL a scelta del candidato.
2) Esecuzione degli studi nn. 29 – 30 – 33 dal metodo W. FERLING, 48 Studi.
3) Esecuzione dei n. 2 dei duetti di W. FERLING.
4) Lettura a prima vista e trasporto non oltre un tono sopra e sotto.

5° ANNO PROGRAMMA DI STUDIO

a) J. H. LUFT, 24 Studi op.1.
b) J. H. LUFT, 24 Studi per due oboi op. 11.
c) A. PASCULLI, nn. 1 – 3 – 7 dai 15 Capricci a guisa di studi.
d) G. PRESTINI, nn. 1, 2, 4, 12 dai 12 Studi su difficoltà ritmiche in autori moderni.
e) G.PRESTINI, Esercizi giornalieri per oboe.
f) F. RICHTER, nn. 1 – 2 – 3 – 5 dai 10 Studi.

Corno Inglese
g) Studio di un pezzo da concerto con accompagnamento di pianoforte a scelta dell’allievo.
h) Studio della Sonata per oboe e pianoforte di F. POULENC: I. Elégie – II. Scherzo – III. Déploration.
i) Studio delle 3 Romanze op. 94 per oboe e pianoforte di R. SCHUMANN.

PROGRAMMA DEGLI ESAMI DI COMPIMENTO DEI CORSO INFERIORE
(PROGRAMMA MINISTERIALE)

1) Esecuzione di un pezzo da concerto con accompagnamento di pianoforte.
2) Esecuzione di due studi estratti a sorte fra sei dei seguenti:
J. H. LUFT, nn. 12, 13, 16 dai 24 Studi per due oboi;
PASCULLI: nn. 1, 3, 7 dai 15 Capricci a guisa di studi;
G. PRESTINI, nn. 4, 12 dai 12 Studi su difficoltà ritmiche in autori moderni;
F. RICHTER, nn. 2, 5 dai 10 Studi;
3) Esecuzione, previo studio di tre ore, di un pezzo di media difficoltà assegnato dalla Commissione.
4) Lettura a prima vista di un brano di media difficoltà e trasporto non oltre un tono sopra o sotto di un facile brano.

Prova di cultura
Dar prova di saper costruire l’ancia e di saper suonare il corno inglese,

CORSO SUPERIORE
6° ANNO PROGRAMMA DI STUDIO

a) G. SELLNER, Duetti, Parte 3ª.
b) C. SAINT-SAËNS, Sonata per oboe e pianoforte op. 116.
c) Studio di un pezzo da concerto di autore dei 900 a scelta dell’allievo.
d) J. HAYDN, Concerto in do maggiore per oboe e orchestra.
e) Studio di una Sonata del periodo barocco a scelta dell’allievo.
f) C. SALVIANI, dai 12 Studi, 6 a scelta.
g) J. S. BACH, “Bach Studien”, vol. I.
h) R. PARMA, dai 6 Studi, 4 a scelta.
i) F. RICHTER, 10 Studi, nn. 4, 6, 7, 8, 9.
j) A. PASCULLI, dai 15 Capricci a guisa di studi nn. 2, 4, 5, 6, 8, 12, 15.
k) G. PRESTINI, 12 Studi su difficoltà ritmiche in autori moderni, nn. 3, 5, 6, 7, 8, 9, 10.

PROGRAMMA D’ESAME PER LA PROMOZIONE AL 7° ANNO

1) Esecuzione della Sonata op. 116 di C. SAINT- SAËNS.
2) Esecuzione di tre studi estratti a sorte fra i sei seguenti:
PARMA, dai 6 Studi, n. 2;
PASCULLI, mi. 6, 15, dai 15 Capricci a guisa di studi;
PRESTINI, n. 7 dai 12 Studi su difficoltà ritmiche in autori moderni;
RICHTER, nn . 4, 6, dai 10 Studi;

Lettura a prima vista, trasporto.

7°ANNO PROGRAMMA DI STUDIO

a) G. F. HÄNDEL, Concerto in sol minore.
b) W. A. MOZART, Concerto in do maggiore.
c) R. STRAUSS, Concerto per oboe e orchestra
d) G. PRESTINI, 6 Grandi Capricci.
e) A. CASSINELLI, 6 Studi.
f) R. SCOZZI, 6 Studi fantastici.
g) S. SINGER, 27 Studi, Parte 6.
h) E. GILLET, 24 Studi
i) A. PASCULLI, uno studio con accompagnamento di pianoforte, oppure una Fantasia con accompagnamento di pianoforte (a scelta dell’allievo).

PROGRAMMA DEGLI ESAMI DI DIPLOMA
(PROGRAMMA MINISTERIALE)

1) a) Esecuzione del Concerto in sol minore di G. F. HÄNDEL;
b) Esecuzione di un pezzo da concerto a scelta del candidato.
2) Esecuzione di due studi estratti a sorte fra sei dei seguenti:
CASSINELLI, mi. 2 – 4, dai 6 Studi;
G. PRESTINI, nn. 2 – 4, dai 6 Grandi Capricci;
R. SCOZZI, nn. 2 – 4, dai 6 Studi fantastici;
S. SINGER, nn. 14 – 22, dai 27 Studi op. 12 n. 5;
E. GILLET, nn. 9 – 20 dai 24 Studi.
3) Esecuzione, previo studio di 3 ore, di un brano assegnato dalla Commissione.
4) Lettura a prima vista e trasporto non oltre un tono sopra o sotto di un brano di media difficoltà.

Prova di cultura
a) Concertazione di un brano di musica di insieme per fiati, alla cui esecuzione parteciperà il candidato. La partitura verrà assegnata 24 ore prima dell’esame.*
b) Dar prova di conoscere la storia dell’oboe, la letteratura e i trattati più noti.
* Il candidato avrà un’ora a disposizione, alla presenza della Commissione, per concertare.